Zincatura a Caldo – Caratteristiche e Costi

Zincatura a Caldo

Zincatura a Caldo

La zincatura a caldo è un trattamento anticorrosivo dell’acciaio che si applica immergendo i manufatti, dopo una serie di pretrattamenti, in un bagno di zinco fuso.
Le differenze e le caratteristiche
A differenza delle vernici, dove parliamo di una pellicola polimerica, nel caso di zincatura a caldo si parla di un metallo, ovvero lo zinco. Già questa prima differenza evidenzia prestazioni estremamente diverse: la verniciatura si può facilmente danneggiare già nelle sole e semplici operazioni di carico e scarico o di movimentazione di cantiere, mentre per lo zinco, per la sua stessa natura metallica, ha una resistenza enormemente superiore ad urti ed abrasioni, inoltre la zincatura a caldo protegge sia le superfici esterne che quelle interne.
Un’altra fondamentale differenza tra la zincatura e la verniciatura è l’aderenza dello strato protettivo. E’ una delle principali caratteristiche positive della zincatura a caldo, ad eccezione della zincatura, tutti i trattamenti anticorrosivi consistono in uno strato che funge da barriera tra l’acciaio e gli agenti corrosivi atmosferici, ciò non basta se per qualsiasi ragione, si crei un’abrasione o un semplice graffio per consentire agli agenti corrosivi di insinuarsi tra lo strato protettivo e l’acciaio formando la ruggine. 
Questo processo non avviene per la zincatura a caldo, poiché non è una semplice pellicola coprente, infatti durante l’immersione nello zinco fuso si forma una vera e propria lega ferro-zinco che, in quanto tale, è tenacemente aggrappata all’acciaio ed è asportabile solo con un’azione meccanica robusta o con soluzioni fortemente acide, per questo anche se si dovesse riuscire a scalfire lo strato di zinco per tutto il suo spessore, gli agenti corrosivi atmosferici non potrebbero procedere oltre penetrando sotto lo strato di zinco essendo, come detto, in lega con l’acciaio.

Un’altra considerazione da fare è quella che le vernici con l’invecchiamento, oltre a subire l’aggressione dei raggi UV, diventano permeabili ad acqua ed alte sostanze aggressive, lo zinco invece mantiene le sue caratteristiche assolutamente invariate per tutto il suo ciclo di vita.

 Zincatura a Caldo
Il ciclo di vita della zincatura a caldo
Lo strato di zinco, se esposto direttamente alle sostanze inquinanti ed agli agenti atmosferici, si trasforma progressivamente in composti ossidati, di cui una parte partecipa all’azione protettiva ed una parte viene asportata dall’azione meccanica delle piogge.
Questo fenomeno si ripete in continuazione per molti anni fino a che lo zinco non si sarà completamente consumato; va però detto che, quando ciò si sarà verificato, le strutture in acciaio saranno ancora perfettamente integre non essendo mai state attaccate dalla corrosione che inizia solo quando effettivamente l’acciaio resterà scoperto. Lo zinco svolge infatti la sua funzione anche se ridotto ad uno strato sottilissimo.
Per capire quanto tempo impiega lo strato di zinco a consumarsi bisogna conoscerne lo spessore e la velocità di corrosione. Lo spessore dello zinco in genere è funzione dello spessore dell’acciaio e può variare, per gli acciai strutturali superiori a 5-6 millimetri, tra 85 e 150 micron e oltre.
La velocità di corrosione può variare tra 0,1 e 2 micron per anno negli scenari d’uso più comuni mentre, in condizioni estreme su può anche andare oltre tale limite.
Sulla base di questi dati, escludendo scenari d’uso estremi o rari, si può dire che la durata della protezione offerta dalla zincatura a caldo può variare da un minimo di 40 anni a ben oltre un secolo.
Cosa può essere zincato a caldo?
Tutto ciò che è in acciaio può essere zincato a caldo. È possibile zincare grandi e piccole strutture: Pilastri, rivestimenti, capriate, tubazioni, scale di emergenza, recinzioni, grigliati, tralicci, paletti, arredo urbano, impianti di risalita, ponteggi, serbatoi, bulloni, eccetera, la lista sarebbe infinita perchè, come detto, tutto ciò che è acciaio può essere zincato, il limite principale è posto dalle dimensioni.
Zincatura a Caldo
Il costo della zincatura è eccessivo?
Anche se la gran parte delle strutture in acciaio che pure potrebbero essere zincate e non lo sono, la ragione non è certamente il costo della zincatura, dato che resta nello stesso ordine di grandezza della verniciatura, per quanto riguarda l’immediato ma è di gran lunga inferiore in rapporto alla durata e quindi all’assenza di manutenzioni nel tempo.
I colori della zincatura…  è possibile ottenere altri colori oltre al classico grigio?
La risposta naturalmente è no! Ma è possibile è applicare sulla zincatura vernici di qualunque colore, finitura e brillantezza. Il risultato di questa operazione, che certamente ha un costo maggiore della sola zincatura, è di ottenere una protezione, e quindi una durata, ancora superiore. A questo punto, i due trattamenti anticorrosivi sviluppano un tale effetto sinergico che la durata della protezione supera di gran lunga la somma delle durate dei due trattamenti, se considerate individualmente. La vita utile del manufatto si incrementa ulteriormente e sempre senza necessità di manutenzioni.
Colori Zincatura a Caldo
Conviene Zincare a Caldo?
La zincatura a caldo protegge le strutture in acciaio per un tempo che spesso supera anche il ciclo di vita utile delle strutture, è ecosostenibile e preservando dalla corrosione mantiene inalterate le caratteristiche progettuali, collaborando alla sicurezza generale di un’opera. Inoltre ha un costo iniziale contenuto e paragonabile ad altri sistemi anticorrosivi e non richiedendo manutenzioni per decenni, riduce di molto il costo nel tempo di un’opera.